Il piano di lavoro come assunzione di responsabilità

Il piano di lavoro nasce per la necessità di dedicare uno spazio all’individualizzazione degli apprendimenti. Ma nella pedagogia Freinet si va oltre Dottrens. La sua specificità è che il lavoro individualizzato è scelto dal ragazzo (non è assegnato dall’alto, è un’assunzione di responsabilità) ed è parte della vita cooperativa del gruppo. Il piano, poi, èContinua a leggere “Il piano di lavoro come assunzione di responsabilità”

La scatola delle creazioni matematiche

Se vogliamo che le creazioni matematiche diventino una pratica comune sarebbe utile creare in classe la SCATOLA DELLE CREAZIONI MATEMATICHE, un posto dove i bambini possano inserire i loro lavori (quando non sono troppo voluminosi!!!). Mettiamola su un banco o sul davanzale della finestra in una posizione ben visibile e lasciamola a loro disposizione spiegandoContinua a leggere “La scatola delle creazioni matematiche”

La discussione delle creazioni: come organizzarla?

Uno dei problemi che stiamo affrontando è la gestione del momento della discussione delle creazioni, soprattutto nel caso di molte creazioni. Nella mappa avevamo indicato tre modalità: Esiste una quarta modalità che consiste nel raggrupparle in base alle piste di lavoro che abbiamo individuato nella nostra analisi a priori e metterle in discussione nel momentoContinua a leggere “La discussione delle creazioni: come organizzarla?”

Il Manifesto sull’insegnamento della Matematica

In questa pagina del sito MCE http://www.mce-fimem.it/ricerca-didattica-mce/manifesto-sullinsegnamento-della-matematica/ trovate il Manifesto sull’insegnamento della Matematica che è stato elaborato a partire dallo scorso anno ed è giunto alla versione definitiva dopo la revisione di diversi gruppi di lavoro. Vi invitiamo a leggerlo e a commentarlo oltre che a diffonderlo tramite i vostri canali. Il Manifesto contiene iContinua a leggere “Il Manifesto sull’insegnamento della Matematica”

E dopo le creazioni?

Nelle varie pagine di documentazione ho suggerito alcune piste di lavoro da seguire. Naturalmente non si possono affrontare tutte nello stesso momento, bisogna capire quale in quel preciso momento della storia della classe possa essere più produttiva e soprattutto generativa di nuove conoscenze. Non trasformiamo le creazioni in semplici esercizi, problematizziamo sempre le situazioni eContinua a leggere “E dopo le creazioni?”

Dare un titolo alle creazioni matematiche

Alcuni bambini sentono la necessità di dare un titolo al loro lavoro, altri no. MI sembra significativo il fatto di “dare un titolo” perché rende esplicito il fatto che quella è una creazione originale, è come dare il titolo ad un quadro.Quindi penso che bisognerebbe dare come consegna ai bambini di scrivere questo titolo allaContinua a leggere “Dare un titolo alle creazioni matematiche”

Creazioni matematiche e corrispondenza

Oggi ho sistemato i nuovi materiali che mi ha inviato Sonia Sorgato sulla corrispondenza che si è sviluppata tra la sua classe dell’IC Perassi di Milano e la scuola dell’infanzia di Morbegno di Francesca Bassi visibile nella pagina Con le mani e con la testa Secondo me abbinare all’esperienza sulle creazioni matematiche anche la corrispondenzaContinua a leggere “Creazioni matematiche e corrispondenza”

Il piano di lavoro

Senza un orario settimanale degli interventi con gli allievi la Dad non funziona. Se vogliamo dare ai bambini una parvenza di scuola bisogna instaurare delle routine, delle cadenze fisse per la consegna dei compiti, per gli incontri in videoconferenza ecc. Il piano di lavoro settimanale utilizzato nelle classi che adottano le tecniche Freinet può diventareContinua a leggere “Il piano di lavoro”

E dopo le creazioni matematiche?

Chiedere ai bambini di fare una creazione matematica è facile… di solito dopo un primo momento di incertezza il processo si avvia e se la richiesta viene ripetuta a intervalli regolari diventa quasi un gioco. Sarebbe utile avere un raccoglitore in cui inserirle, se sono cartacee. Valorizziamo sempre qualsiasi tipo di prodotto ci mandino perchéContinua a leggere “E dopo le creazioni matematiche?”